Malattia di Marek: cos’è e come proteggere le galline

La malattia di Marek è una malattia di origine virale, causata da un herpesvirus. Questa malattia delle galline è diffusa in tutto il mondo e colpisce principalmente i giovani esemplari.

Cos’è

La prima volta a parlarne fu Josef Marek nel 1907 e parlava di una malattia che si presentava nei soggetti adulti come un’infiammazione ai nervi e non causava eccessive mortalità. Più tardi, a causa della crescita dell’avicoltura intensiva, la malattia divenne più virulenta: causava tumori (neoplasie) e colpiva anche le viscere e la cute mentre i soggetti giovani avevano alte probabilità di morire.

Ad oggi il virus, in verità sono diversi ceppi di virus, della malattia di Marek è molto più pericoloso di una volta e causa tumori a livello oculare, vascolare, cutaneo e neurologico.

Come si manifesta

L’infezione può manifestarsi in diverse forme attraverso lesioni alla cute, agli occhi, tumori ai visceri e può colpire l’apparato nervoso. Solo in quest’ultimo caso si manifesta con una paralisi progressiva di ali e zampe.

Se il virus della malattia di Marek colpisce i nervi il primo sintomo è un’andatura barcollante e non coordinata, con tendenza ad abbassare le ali. Nei giorni successivi l’animale è molto fiacco: non mangia, beve poco, cammina poco e passa molto tempo accovacciato. Nella fase finale le galline colpite non muovono più le zampe e assumono una posizione a “spaccata” (un arto in avanti e uno indietro) oppure con le zampe distese.

La malattia provoca la disfunzione degli organi colpiti causandone tumori e il loro collasso.  

Il morbo di Marek colpisce molto frequentemente i pulcini, i giovani polli e ogni tanto qualche anziano, mentre sembra non colpire gli adulti.

Come si contrae

L’infezione si contrae con la vicinanza di animali ammalati oppure per ingestione di cibo e acqua infetta. Il virus della malattia di Marek si moltiplica nei follicoli della pelle e nelle penne dello sfortunato mal capitato. Si diffonde nell’ambiente e negli animali attraverso le cellule morte: quel pulviscolo che vedete entrando nel pollaio sono le cellule che si disperdono nell’ambiente e lo proteggono, per cui è difficile debellarlo e persiste per molto tempo.

C’è più alta probabilità che la malattia si manifesti all’inizio della stagione calda e quando inizia la muta.

Come curarla e prevenirla

Parto subito con la cattiva notizia: dal momento che la vostra gallina prende la malattia di Marek è spacciata perché, al momento, non esistono cure efficaci. Però si può prevenirla e limitarla:

  • acquistando animali già vaccinati: i vostri polli saranno molto più protetti ma non al 100%, purtroppo esistono diversi ceppi di virus della malattia di Marek e i vaccini in commercio non difenderanno le vostre galline da tutti i ceppi esistenti;
  • vaccinate i pulcini entro un giorno dalla nascita: in commercio vendono vaccini da 500/1000 dosi e se siete un allevatore con qualche gallina dovete provare a farvi amico un veterinario avicolo potrebbe riuscire a vaccinare i vostri pulcini;
  • preferite razze più resistenti come Marans e Sumatra, evitate altre razze più predisposte come Sebright, Barnevelder (o Balnevend) o gli ibridi commerciali.

polli ibridi commerciali

Capire che un vostro animale è stato colpito dalla malattia di Marek è molto difficile. I sintomi sono molto generali e non unici della malattia: non improvvisatevi veterinari anzi è molto importante che ve ne cerchiate uno di fiducia.

Quando una gallina non mangia, non beve, non si muove o ha le gambe rigide può avere tante cause (acari, rogna, lussazione o rottura del piede ecc). La prima migliore cosa da fare è separarla dal gruppo per evitare che, in caso di malattie infettive, si infettino anche gli altri abitanti del pollaio e cercare di dare il maggior benessere possibile all’animale (cibo e acqua, un luogo silenzioso ecc)… e contattare il veterinario!

Molto importante è che ogni giorno vi prendiate cura dei vostri animali domestici e che siate in grado di valutarne lo stato di salute generale.

Buon allevamento! 🐔

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.